Ca’ Rugate prende il nome dall’omonima collina di origine vulcanica, nella zona del Soave Classico, in provincia di Verona, dove si trova la maggior parte dei vigneti di proprietà della famiglia Tessari che da quattro generazioni gestisce l’azienda. 90 ettari in tutto tra Soave ClassicoValpolicella e Lessini Durello.

«Fare un passo indietro per compierne due avanti, la memoria come scrigno di esperienze da cui trarre spunto per tracciare nuove rotte». Il pensiero dell’enologo Michele Tessari, titolare di Ca’ Rugate, cantina Montecchia di Crosara in provincia di Verona produttrice di vini Soave, Lessini Durello e Valpolicella, s’intreccia a doppio filo con l’ecosostenibilità dell’ambiente attraverso una nuova produzione biologica.

“Al termine di tre anni di grande lavoro” racconta Michele Tessari nella quiete dei suoi vigneti “i primi due vini di Ca’ Rugate, il Soave Classico San Michele 2020 e il Valpolicella Rio Albo 2020, figli di un millesimo simbolo che ricorderemo per le caratteristiche vendemmiali ma anche per i risvolti umani ed emotivi, presenteranno in etichetta la certificazione biologica e saranno disponibili per i mercati nazionali e internazionali”. Si tratta, prosegue Tessari “del frutto di un percorso di sostenibilità ambientale iniziato silenziosamente tanti anni fa, seguendo i principi delle generazioni passate”. Oggi il patrimonio vitato di proprietà di Ca’ Rugate è di circa 90 ettari, coprendo le aree del Soave Classico, Valpolicella e Lessini Durello. “La certificazione biologica dei nostri primi due vini, ed altri ne seguiranno” conclude l’enologo veronese “è stato reso possibile da persone capaci, tenaci e legate ad una visione aziendale che non conosce mediazioni per il raggiungimento della qualità massima. Senza di loro tutto questo non sarebbe possibile e a loro va il ringraziamento più grande della nostra famiglia”.