Si parte il 29 giugno e si finisce il 9 settembre. In tutto 24 date in giro per le cantine (e non solo) della Romagna. Ritorna “Cinemadivino – i grandi film si gustano in cantina”, il mix di pellicole, vino del territorio e gastronomia alla sua diciottesima edizione. L’appuntamento estivo si è fatto maggiorenne, il “taglio del nastro” è in programma a Casa Spadoni a Faenza insieme alle cantine Fattoria Monticino Rosso e Lauto Lune.

Nato nel 2004 in Romagna da un’idea di Valter Dal Pane, l’obiettivo è quello di promuovere la cultura enogastronomica territoriale e cinematografica, raccontando la tradizione e la storia dei luoghi che ospitano le serate per diffondere sempre di più la conoscenza del territorio, appassionando intenditori e non al mondo del vino e del cinema.

Cinemadivino è un connubio che unisce la magia del cinema, il piacere del vino e della buona tavola, al nostro meraviglioso paesaggio, spiega Carlo Catani presidente della rassegna.

“Penso che questi siano gli obiettivi e i valori di cui il nostro territorio ha bisogno per continuare a sognare. Da parte nostra, continueremo a farlo con tutta la passione che da sempre ci contraddistingue”, aggiunge Beatrice Bassi, del Consiglio di amministrazione del Molino Spadoni SpA, la società che da quest’anno gestisce la rassegna e che ne ha rinnovato la comunicazione e l’organizzazione.

La particolarità, che ha decretato il successo dell’iniziativa, è da ricercare nelle location sempre differenti, e nell’autenticità dell’esperienza proposta. In ogni serata un film diverso viene proiettato in un’aia, un cortile o un’azienda vitivinicola differente, in cui si è a stretto contatto con i produttori, i quali aprono le loro cantine alle visite guidate e al racconto della propria idea del vino.

Tra i titoli importanti Volevo Nascondermi di Giorgio Diritti, Est di Pablo Larrain, We are the Thousand di Anita Rivaroli e Bansky – L’arte della ribellione diretto da Elio Espana. Non possono mancare i grandi classici come Pulp Fiction, Kill Bill, Il Corvo e Top Gun

La ripartenza della rassegna comporterà l’assunzione di nuovo personale, diretto e indiretto, consentendo così a diverse persone di lavorare per realizzare qualcosa di speciale e, al contempo, dare un importante segnale positivo al settore dello spettacolo, fortemente colpito dall’emergenza Covid.

L’organizzazione ha adottato tutte le misure di prevenzione legate all’emergenza sanitaria e in totale sicurezza sarà possibile assistere alla proiezione dei film all’aperto con il distanziamento tra le sedute, degustare tre vini proposti dalla cantina, assaporare i prodotti tipici e le loro rielaborazioni preparate dai produttori stessi oppure dal Foodtruck di Cinemadivino, il tutto immersi nella bellezza del territorio romagnolo.

Queste le location coinvolte: Casa Spadoni, Museo Carlo Zauli, Trerè, Piazza Nenni, Leoni Conti a Faenza, Podere la Berta (Brisighella), Villa Venti (Roncofreddo), Palazzo di Varignana (Ozzano dell’Emilia), Bagno Oreste (Milano-Marittima), Tenuta Massellina (Castel Bolognese), Monty Banks (Cesena), Bagno Amarissimo (Punta Marina), Sbarzaglia (Villanova), Tre Monti, Cantina Poletti, (Imola), e Corte San Ruffillo (Dovadola), Caviro (Forlì).

http://www.cinemadivino.ne

Commenta con Facebook