Cantina Tollo, la cantina sociale più grande d’Abruzzo situata nel paese di Tollo in provincia di Chieti. Essa è nata nel 1960 da un gruppo di diciannove persone desiderose di rilanciare il territorio e di produrre del vino capace di competere con i grandi nomi del momento ed entrare così sul mercato.

Ad oggi questa realtà è una nota società cooperativa agricola di primo livello che conta 920 soci con circa 3.500 ettari vitati tra i comuni di Tollo e Bucchianico ed una produzione di 12.300.000 bottiglie annue. Le principali uve coltivate sono Montepulciano, Sangiovese, Merlot, Pecorino, Trebbiano e Chardonnay.

Giancarlo Di Ruscio

Ciclicamente Cantina Tollo da vita a progetti di sviluppo della cultura agraria, come il progetto “vigneto avanzato” oppure di incentivare il ritorno all’agricoltura dei giovani. Il direttore generale in carica dal 1990 è Giancarlo Di Ruscio. Egli racconta degli albori di Cantina Tollo, di come coraggiosamente nel dopoguerra in un paesino come Tollo, dove tutti emigravano per sopravvivenza loro rimasero pensando che il futuro per l’Abruzzo non era fatto solo di produzione di vino sfuso, da questo la missione, l’obiettivo: fondare e creare un marchio riconosciuto.

La storia di Cantina Tollo è fatta di amore per il territorio, di coraggio per far emergere una regione, di volontà di riportare in vita vitigni autoctoni come Cococciola. Nel realizzare questo ambizioso progetto si è creata un’identità, un’immagine di passione e dedizione. Oggi degustiamo uno dei protagonisti della linea organic; cantina Tollo si è impegnata sin dagli albori ad attuare una politica produttiva biologica, ovvero da quando l’EU pubblicò il primo regolamento in materia. Inoltre essa ha lavorato sui tre assi: riduzione dei rumori; riduzioni delle emissioni e trattamento e depurazione delle acque, fino a portare i propri valori al di sotto dei limiti minimi previsti dalla legge.

La linea organic è una linea di produzione di Montepulciano, cerasuolo, trebbiano, pecorino e passerina, ottenuti da un’attenta viticoltura biologica, certificati vegan sposando la tradizione con un’enologia ricercata ed innovativa che rispetti la natura. Ogni bottiglia di questa produzione ha un bio indicatore, ovvero in etichetta hanno riportato il disegno di un fitopatogeno della vite le quali abitudini sono state associate ai singoli vini.

Il Montepulciano D’Abruzzo DOP Organic: un vino che racconta l’autenticità della natura, come le coccinelle svelano la purezza ambientale, annata 2019 anche premiato al Merano Wine Festival con 89 punti.

E’ ottenuto da uve bio 100% Montepulciano, coltivato con un sistema di pergola abruzzese e vendemmiato verso la metà di ottobre. La vinificazione in acciaio per una durata di almeno sette giorni a temperatura controllata, leggero affinamento in vasche di cemento e poi bottiglia. Colore rosso rubino con riflessi violacei, al naso i profumi classici del Montepulciano, frutta rossa matura intensa, ma anche sentori floreali e speziate che esaltano un bouquet aromatico interessante e affascinante. In bocca questo vino ha sapore pieno, una struttura rotonda con tannini morbidi con una lunga persistenza. Io personalmente ho degustato questo vino con un lauto aperitivo con affettati e formaggi stagionati ed è stata un’esperienza molto interessante, ma è possibile berlo durante pasti prettamente con dei primi o carni poco grasse e impegnative come quelle bianche.

Questo vino è acquistabile in diverse enoteche del territorio, ma specialmente a soli € 7,50 nel loro shop on-line dove sono presenti tutti i prodotti dell’azienda.

Cantina Tollo
Via G. Garibaldi, 68, 66010 Tollo CH
info@cantinatollo.it
www.cantinatollo.it

Commenta con Facebook