Debutto nei vini bianchi, con il Langhe Nascetta 2020 Biologico, per lo storico marchio piemontese Casa E. di Mirafiore, fondato nel 1878, cantina diventata azienda agricola biologica nel 2018.

Quella del marchio conosciuto come Mirafiore è una delle storie più affascinanti e travagliate delle Langhe. Una cantina che portava il nome del suo fondatore – il Conte di Mirafiore, Emanuele Guerrieri, figlio di Vittorio Emanuele II. Nel 1930, una cattiva gestione, combinata all’arrivo della fillossera, portò al suo fallimento e fino alla vendita in asta del marchio e della tenuta.

Qui, la tradizione non è mai stata dimenticata: ancora oggi in vigna e in cantina le più tradizionali tecniche vinicole dettano lo stile di Casa E. di Mirafiore. Con le stesse credenziali con cui vengono prodotti i grandi Baroli e non solo.

In ogni singola scelta, in ogni singola azione quotidiana Casa E. di Mirafiore ricerca l’estrema qualità. Per ogni vino si concentra la massima precisione, equilibrio ed eleganza, per poter esprimere tutta la potenza e la profonda connessione tra i vitigni e la sua terra di origine.

Nascetta rende onore a un vitigno autoctono quasi dimenticato, un’antica varietà a bacca bianca, e la sua ‘riscoperta’ anche nella storica azienda nota per i suoi rossi, ha l’obiettivo di “preservare la biodiversità del territorio e continuare a coltivare i vitigni della tradizione piemontese”. 

Il Langhe Nascetta 2020 Biologico è caratterizzato da un processo di vinificazione e affinamento che riprende la tradizione. L’uva raccolta in piccole casse da 20 kg cadauna, viene conferita in cantina e avviata alla pressatura senza subire la classica operazione di diraspatura per evitare ogni possibile danno al raspo ed estrarre in modo molto soffice solo il mosto fiore, che decanta in vasca per 24/36 ore. Il mosto pulito viene poi portato alla temperatura di 16 gradi per favorire l’avvio della fermentazione alcolica che dura circa 3 settimane, dopodiché il vino sosta sulle proprie fecce fino a inizio primavera, momento in cui inizia la preparazione per la messa in bottiglia.

Commenta con Facebook