Credit Photo: Italiaatavola.net

La guida seleziona 171 aziende vitivinicole degne e capaci di ospitare nel migliore dei modi in 160 pagine suddivise per regioni.

Desiderio di vacanze, voglia di aria aperta, di spazi verdi, di accoglienza bucolica. Dopo un anno e oltre di chiusure, di pandemia, finalmente si stanno riaprendo le strutture di ospitalità, ma ancora la prudenza di evitare zone affollate, troppe persone, animerà la vacanza di molta gente che vorrà passare alcuni giorni nella tranquillità, coccolati in casolari di fascino, in strutture attrezzate dove si mangia bene e si beve meglio. Cosa c’è allora di più desiderabile che “trascorrere le vacanze tra i vigneti, assaggiare i vini, parlare con i produttori, conoscere la loro storia”?

Insomma il turismo del vino avrà un successo notevole. Ma dove andare? Quale struttura scegliere? Ci sarà la piscina? Una Spa e un centro benessere? Magari delle lezioni pratiche di cucina? Si adatterà al budget economico che abbiamo a disposizione?
A queste e ad altre domande risponde: “Mangiare e Dormire tra i Vigneti by DoctorWine”.

DoctorWine è il nickname con cui è conosciuto Daniele Cernilli, uno dei più noti giornalisti enogastronomici, una pluriennale esperienza di critico dei vini, cofondatore del Gambero Rosso, già direttore del relativo magazine, un elenco quasi infinito di prestigiosa professionalità, tra gli ultimi riconoscimenti è inserito da Decanter tra le 50 persone più influenti nel mondo del vino. Quindi un giornalista che ha trascorso un’intera vita con Bacco, visitando un’infinità di aziende, alcune addirittura strutturate come agriturismo, altre veri relais di campagna, qualcuna con ristoranti di grido e strutture che non hanno nulla da invidiare a dei piccoli hotel di lusso. Così Cernilli ha pensato di mettere a disposizione la sua esperienza e quella dei collaboratori scrivendo una guida, unica nel suo genere.

La guida seleziona 171 aziende vitivinicole degne e capaci di ospitare nel migliore dei modi. Cernilli: «Abbiamo realizzato un libro, che avremmo voluto trovare, una guida basata sulla nostra esperienza di anni, fatta di visite, assaggi, scoperta di territori e di persone sorridenti e disponibili, i viticoltori che diventano osti e locandieri».

La guida, 160 pagine, è divisa per regioni, per ogni azienda con una grafica chiara ed efficace sono indicati: numero di camere, prezzo medio, periodo di apertura, lingue parlate, metodi di pagamento accettati, servizi offerti, ubicazione, contatti oltre ad una breve descrizione dell’azienda nel suo complesso e qualche piccola foto, insomma tutto quanto può servire al turista per compiere la sua scelta o per orientarlo. Si passa da 1 struttura in Valle d’Aosta ai 56 della Toscana. Una guida che l’autore definisce, ed è vero, Maneggevole, Pratica, Garantita dalla conoscenza diretta negli anni. Un libretto che non può mancare nello scaffale, meglio nella tasca, di un amante del vino e di un epicureo.